Dimagrisci imparando a depurare il fegato

Depurare il fegato è indispensabile per dimagrire.

Molte volte la necessità di un drenaggio epatico traspare chiaramente oltre che dal nostro sovrappeso, anche dalle sensazioni che il corpo ci invia, come per esempio l’alito cattivo, la digestione lenta, l’intestino pigro e l’addome dilatato il testo.

Per prima cosa occorre fare piazza pulita di tutte le scorie e tossine che abbiamo accumulato nel corso dei mesi o addirittura degli anni e che, logicamente appesantiscono il lavoro del fegato e la sua capacità di metabolizzare i grassi.

Ma vediamo da cosa derivano le scorie che dobbiamo eliminare

Principalmente dai cibi pesanti come per esempio quelli ricchi di grassi e carboidrati o dai cibi che contengono additivi alimentari.

Le tossine più pericolose sono quelle che si introducono con l’alimentazione, infatti le scorie che rallentano il lavoro del fegato sono quelle introdotte per via alimentare, ossia attraverso cibi e bevande, che vengono assorbite dalla mucosa intestinale e, portandosi in tutto il corpo attraverso il torrente circolatorio, si infiltrano in ogni tessuto.

Le principali fonti di tossine sono:

  • grassi: sono contenuti nella carne, nei salumi, nei formaggi, nel latte, del burro, nelle uova
  • carboidrati (soprattutto se raffinati): sono rappresentati dal pane, dalla farina, dalla pasta, da i dolci, dalle bevande gassate e zuccherate
  • cibi industriali con additivi alimentari o residui chimici: sono tutti quegli alimenti che contengono coloranti e conservanti, residui di pesticidi e antiparassitari, che purtroppo sono spesso presenti in frutta e verdura, oppure ormoni steroidei che si trovano nella carne, nel latte, nelle uova, ed infine gli antibiotici che si rinvengono nelle uova

Dopo una prima fase di attacco, in seguito la cura depurativa potrà essere effettuata 4 volte l’anno, in special modo nei cambi di stagione.

Per capire se anche voi, cari amici, presentate i sintomi dell’affaticamento epatico eccovi di seguito delle domande a cui rispondere:

  • uno dei sintomi che accompagna un’insufficienza epatica è il soffrire di acidità, gastrite e crampi addominali
  • un altro sintomo è svegliarsi la mattina con l’alito cattivo e la lingua che presenta una patina bianca
  • se spesso prende una fame violenta in cui si divorano in modo famelico i cibi preferiti, anche questo è un sintomo da non sottovalutare
  • se dopo mangiato la tua pancia si gonfia state attenti
  • se il tuo intestino e irregolare e quindi alterna stipi se con diarrea, anche questo è un campanello d’allarme
  • se ultimamente vengono fuori dei brufoli, eruzioni cutanee e prurito diffuso, valutiamo bene anche queste manifestazioni
  • se si manga in maniera sregolata e a i pasti non si ha più fame, anche in questo caso bisogna chiedersi perché
  • se i chili si concentrano soprattutto nell’addome nei fianchi, c’è qualche cosa che non va a livello del fegato

Lascia un commento